15 agosto 2010

Festa di Ferragosto : Solennità dell’Assunzione della B. V. Maria


Solennità dell’Assunzione della B. V. Maria

Cari fratelli e sorelle, affidiamoci a Colei che - come afferma il Servo di Dio Paolo VI - «assunta in cielo, non ha deposto la sua missione di intercessione e di salvezza».
 A Lei, guida degli Apostoli, sostegno dei Martiri, luce dei Santi, rivolgiamo la nostra preghiera, supplicandola di accompagnarci in questa vita terrena, di aiutarci a guardare il Cielo e di accoglierci un giorno accanto al Suo Figlio Gesù.

BENEDETTO XVI
ANGELUS Domenica, 15 agosto 2010


Narra il Transito della Beata Maria Vergine che la Madonna aveva chiesto al Figlio di avvertirla della morte tre giorni prima. La promessa fu mantenuta: il secondo anno dopo l’Ascensione Maria stava pregando quando le apparve l’angelo del Signore. Teneva un ramo di palma e le disse: “Fra tre giorni sarà la tua assunzione”. La Madonna convocò al capezzale Giuseppe d’Arimatea e altri discepoli del Signore e annunciò loro la sua morte.

« Venuta la domenica, all’ora terza, come lo Spirito Santo discese sopra gli apostoli in una nube, discese pure Cristo con una moltitudine di angeli e accolse l’anima della sua diletta madre. E fu tanto lo splendore di luce e il soave profumo mentre gli angeli cantavano il Cantico dei Cantici al punto in cui il Signore dice: “Come un giglio tra le spine, tale è la mia amata fra le fanciulle” – che tutti quelli che erano là presenti caddero sulle loro facce come caddero gli apostoli quando Cristo si trasfigurò alla loro presenza sul monte Tabor, e per un’intera ora e mezza nessuno fu in grado di rialzarsi. Poi la luce si allontanò e insieme con essa fu assunta in cielo l’anima della Beata Vergine Maria in un coro di salmi, inni e cantici dei cantici. E mentre la nube si elevava, tutta la terra tremò e in un solo istante tutti i Gerosolimitani videro chiaramente la morte della santa Maria. »

In quel momento Satana istigò gli abitanti di Gerusalemme che presero le armi e si diressero contro gli apostoli per ucciderli e impadronirsi del corpo della Vergine che volevano bruciare. Ma una cecità improvvisa impedì loro di attuare il proposito e finirono per sbattere contro le pareti. Gli apostoli fuggirono con il corpo della Madonna trasportandolo fino alla valle di Giosafat dove lo deposero in un sepolcro: in quell’istante – narra il Transito della Beata Maria Vergine - li avvolse una luce dal cielo e, mentre cadevano a terra, il santo corpo fu assunto in cielo dagli angeli

7 commenti:

giulia pignatelli ha detto...

sei tornata con un bel racconto. io non sono molto religiosa, anzi, per niente, ma la magia dei miti o delle storie religiose è sempre forte :)

lucy ha detto...

ben ritornata dalle vacanze e grazie di aver condiviso con noi una bella festa.baciotti

mesilda ha detto...

Felices fiestas Stefania,que pases un buendia con toda tu familia.
Besets.

Gloria ha detto...

Querida Stefanía nosotros siempre celebramos la fiestas de la Virgen, en mi país es especialmente queida la Virgen María, venerada como nuestra Madre querida, muchos cariños, gloria

BARBARA ha detto...

Trovo molto bello e coinvolgente questo tuo post; una festa, questa dell'Assunta, che sento particolarmente e ti son grata di aver riportato le parole dell'Angelus a Lei dedicato. Complimenti per il blog e per la tua sensibilità

accantoalcamino ha detto...

Ciao carissima, a presto :-)

Enamorada ha detto...

Estefania, Un brano bellissimo.
Besitos

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...